La chitarra diventa orchestra con maurizio colonna

Highly specialized course

La tecnica classica nel mondo del Pop e delle Fusion, a cura di Maurizio Colonna.

Quando con la chitarra si suonano le singole parti di un arrangiamento pop entriamo in un mondo sonoro unico. Quando poi con la chitarra si realizza una sintesi polifonica, in cui oltre al tema e alle parti armoniche di una pop song si riproduce il groove della sezione ritmica, la chitarra diventa orchestra.

Obiettivo del corso è esplorare questa dimensione chitarristica, nella quale l’impiego della tecnica classica è funzionale alla comprensione degli argomenti trattati.

Programma e struttura del corso

Da gennaio 2024, incontri quindicinali della durata di un’intera giornata (5/6 ore)

Previsti esercizi tecnico-strumentali, legati sia all’approccio interpretativo che alla tecnica di armonizzazione nei vari stili, un’analisi teorica di ciò che viene suonato e una comprensione delle diverse tematiche attraverso esperienze solistiche e in ensemble.

MAURIZIO COLONNA

Maurizio Colonna (Torino, 1959) è considerato unanimemente uno dei più grandi chitarristi classici del nostro tempo. Ha iniziato a suonare la chitarra a cinque anni, a sette ha debuttato in teatro come solista e a diciassette ha suonato il Concierto de Aranjuez, per chitarra e orchestra, in presenza di Joaquin Rodrigo. Da allora la sua carriera di interprete e compositore lo ha reso celebre in tutto il mondo.

Intensa la collaborazione con la pianista-compositrice Luciana Bigazzi – con cui ha fondato l’etichetta discografica NCM – e con il chitarrista australiano Frank Gambale. Numerose le apparizioni televisive (varie in mondovisione), i riconoscimenti artistici e i concerti nelle sedi più prestigiose; ha suonato per il Papa, per il Presidente della Repubblica italiana ed è stato il primo chitarrista classico a esibirsi come ospite al Festival di Sanremo.

FORM

keyboard_arrow_up
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.